Pianificare da giovani, pensare per tempo a come mantenerci quando saremo anziani. Siamo il paese più vecchio d’Europa: nel 2016, infatti la popolazione dei senior (55 –  74 anni) ha superato quella dei giovani adulti (15 – 34 anni) di oltre un milione e mezzo. Il nostro sistema pensionistico dà prospettive di pensione molto basse per cui è necessario pensare a una una pensione integrativa.

La proposta di Regolamento del 29 giugno ha dato inizio alle basi per la creazione del mercato per i prodotti pensionistici individuali paneuropei: i PEPP.

Caratteristiche e obiettivi dei PEPP

L’obiettivo dei PEPP è quello di migliorare l’offerta previdenziale in Europa canalizzando maggiori risorse verso gli investimenti a lungo termine, con miglior liquidità ed efficienza dei mercati, dando anche la possibilità di uno strumento flessibile per i lavoratori che si muovono all’interno dello spazio lavorativo europeo.

I PEPP avranno gli stessi elementi standard ovunque essi siano venduti nell’UE e possono essere offerti da un’ampia gamma di fornitori, come banche, imprese di assicurazione, fondi pensionistici aziendali o professionali, imprese di investimento e gestori di attivi.

Essi integrano le pensioni statali, aziendali, professionali e individuali nazionali, ma non sostituiscono né armonizzano i regimi pensionistici individuali nazionali. La Commissione ha anche raccomandato che che gli Stati membri concedano a questo prodotto il medesimo trattamento fiscale applicato ai prodotti nazionali analoghi esistenti.

Vantaggi per i risparmiatori e per i fornitori derivanti dai PEPP

RISPARMIATORI FORNITORI
I risparmiatori che optano per un PEPP avranno più scelta grazie all’ampia gamma di fornitori di PEPP e beneficeranno di una maggiore concorrenza. Il PEPP sarà trasferibile tra Stati membri, vale a dire che i risparmiatori saranno in grado di continuare a contribuire al loro PEPP quando si trasferiscono in un altro Stato membro. I fornitori saranno in grado di offrire PEPP in diversi Stati membri, mettere in comune le attività in maniera più efficace e realizzare economie di scala.

 

I consumatori beneficeranno di requisiti di informazione e norme di distribuzione rigorose, anche online. Per offrire il PEPP, i fornitori dovranno essere autorizzati dall’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (EIOPA). I fornitori di PEPP saranno in grado di raggiungere i consumatori in tutta l’UE attraverso canali di distribuzione elettronica.
I PEPP garantiranno ai risparmiatori un livello elevato di protezione nell’ambito di una semplice opzione di investimento standard.

Ogni cinque anni i risparmiatori avranno il diritto di cambiare il fornitore, sia a livello nazionale che a livello transfrontaliero, a un costo limitato.

I fornitori di PEPP e i risparmiatori avranno diverse opzioni per i pagamenti alla fine della durata di vita dei prodotti.

I fornitori di PEPP beneficeranno di un passaporto UE per agevolare la distribuzione transfrontaliera

Uno dei temi di dibattito riguarda l’opzione di investimento standard. Infatti, i PEPP dovrebbero caratterizzarsi per un’opzione di investimento sicura per investitori con una bassa propensione al rischio, per la quale gli operatori del mercato hanno manifestato perplessità in merito alla sua strutturazione concreta.

Nello specifico, si tratta di differenziare la tipologia di prodotto, se più in linea con la tipicità dei prodotti assicurativi, come la restituzione del capitale alla fine dell’investimento, oppure altre tecniche di investimento tipiche del risparmio gestito.